Rasente

N’amu ricòtu pedàte, s’càffi,
pèllari, pùni, currigliàte.
Nue, fèrmi, uìgni da Sìua,
vìnu de cantìna.
Ccu llu sàue ‘ntre sacchètte
Ppe llu jettàre alle scurciàte,
avìmu caminàtu sempre de chìlla
manèra : tìsi, ‘mpizzìllicu, chjicàti.
Ancòre e ancòre, stu viaggiu
De intra, stu viaggiu de fòre.
A terra, sempre ‘a stessa, scàvuza,
‘mmidiùsa, scippannèra;
‘a vita, cumu sempre, stròscia,
làtra, mafiùsa, critichèra.

Ci siamo tenuti le pedate, gli schiaffi, / i ceffoni, i pugni, le cinghiate. / Noi, fermi, fusti della Sila, / vino di cantina. / Con il sale nelle tasche / per gettarlo alle ferite, / abbiamo camminato sempre in quel / modo: dritti, in bilico, piegati. / Ancora e ancora, questo viaggio / dentro, questo viaggio di fuori. / La terra, sempre uguale, scalza, / invidiosa, furtiva; / la vita, come sempre, leggera, / ladra, mafiosa, criticona.

Daniel Cundari, poeta e scrittore calabrese, sarà al Festival con le sue poesie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...